Struffoli: la vera ricetta originale napoletana

0
10170
struffoli napoletani
Gli struffoli napoletani

Gli struffoli sono un dolce natalizio tipico della tradizione napoletana, delle palline fritte, avvolte nel miele e decorate con frutta candita e zuccherini.

La ricetta degli struffoli è abbastanza semplice, ma richiede un bel po’ di pazienza, perché bisogna preparare l’impasto base, e poi ricavare tante palline, abbastanza piccole,
rotonde e di dimensioni simili.

Ogni sforzo verrà ampiamente ripagato dal gusto e dalla soddisfazione di portare a tavola questo dolce goloso e anche bellissimo da vedere.

La ricetta originale degli struffoli della tradizione napoletana, ha origini antichissime, e sono presenti nelle tavole napoletane da tantissimi anni, c’è chi fa risalire questo dolce agli antichi Greci che, secondo la leggenda, li hanno esportati nel Golfo di Napoli al tempo di Partenope.

Perchè si chiamano Struffoli? Cosa vuol dire?

Il nome struffolo deriva dalla parola “strofinare” e rimanda al tipico gesto che si fa durante la loro preparazione. Quando si tagliano i cordoncini di impasto, vanno strofinati sulla spianatoia per formare dei cilindri stretti e lunghi che poi vanno tagliati a tocchetti e arrotondati tra i palmi delle mani per formare le palline.

In realtà c’è anche un’altra corrente di pensiero, che assegna al verbo napoletano “struffolare”, il significato di “intrecciare” o “intrecciare insieme”. Quindi, il termine “struffolo” può essere anche utilizzato per descrivere qualcosa che è stato intrecciato o messo insieme in modo complesso.

I nostri consigli per la ricetta degli struffoli

La preparazione degli struffoli è lunga e necessita di pazienza, le palline devono essere tutte piccoline in modo da avere una frittura rapida e una cottura uniforme. Inoltre gli struffoli piccolini abbracciano il miele fuso e si crea un contrasto perfetto tra l’impasto fritto (che è abbastanza neutro) e la dolcezza del miele.

Durante la preparazione degli struffoli è importante usare meno farina possibile e scrollare quella in eccesso prima della cottura. La farina in eccesso, durante la cottura, provoca la formazione della schiuma che è abbastanza fastidiosa e rende la frittura più scomoda.

Gli struffoli si possono decorare con i canditi e gli zuccherini a nostra scelta, si possono disporre a cupola oppure ad anello, ma anche servire nelle coppette monoporzione. Per modellare gli struffoli, sistemarli su un piatto e dare una forma ordinata, possiamo aiutarci con l’interno di mezzo limone, che non si attacca al miele e ci aiuta in questa operazione.

Gli struffoli si mantengono bene per un paio di giorni, si possono preparare e sistemare nel piatto da portata anche il giorno prima di servirli. 

Struffoli napoletani: la vera ricetta originale

0 from 0 votes
Course: DolciDifficulty: Media
Porzioni

8

persone
Preparazione

1

hour 
Cottura

20

minutes
Calorie per 100 gr

210

kcal

La ricetta degli struffoli napoletani

Ingredienti

  • 400 gr 400 di farina 00

  • 3 3 Uova

  • 80 gr 80 di burro

  • 40 gr 40 di zucchero

  • 20 ml 20 di rum o liquore all’anice

  • 1 1 Scorza di arancia

  • 1 1 Scorza di limone

  • Sale q.b.

  • Olio per friggere (olio di semi di arachidi) q.b.

  • zuccherini colorati q.b.

  • Frutta candita a piacere (arancia e ciliegie)

  • La bagna
  • 300 gr 300 di miele millefiori

  • 30 gr 30 di zucchero a velo

Procedimento

  • Metti in una ciotola spaziosa la farina, lo zucchero e il sale e mescola tutto.primo passo
  • Aggiungi le uova (a temperatura ambiente) e mescola.secondo passaggio uova
  • Unisci il burro fuso e mescola con un cucchiaio.burro cucchiaio
  • Aggiungi la scorza grattugiata di arancia e di limone, poi unisci il rum e quindi mescola bene con un cucchiaio.rum
  • Quando gli ingredienti si sono ben amalgamati, impasta con le mani, fino ad avere un panetto liscio e omogeneo.panetto
  • Avvolgi il panetto con la pellicola trasparente e fai riposare l’impasto in frigorifero per un’ora.panetto avvolto
  • Metti il panetto su una spianatoia infarinata e taglialo a strisce con una spatola, o con un coltello. Per creare dei rotolini di dimensioni simili, puoi tagliare il panetto a fette spesse circa un centimetro e poi dividerlo in due parti.impasto strisce
  • Arrotola ogni striscia in modo da formare un filoncino. Tagliala poi a quadratini e poi arrotolali tra le mani in modo da formare delle palline. Procedi così per tutto l’impasto e man mano posizionale sulla carta da forno. Se serve puoi spolverare la spianatoia con la farina ma non è necessaria.quadratini
  • Nel frattempo scalda l’olio di semi di arachidi in un pentolino dai bordi alti e portalo a temperatura per friggere. Puoi controllare la temperatura con un termometro da cucina (in questo caso dovrebbe essere di circa 180 gradi), oppure immergendo uno struffolo, se resta fermo non è ancora abbastanza caldo, se inizia a sfrigolare è pronto per la frittura.
  • Metti un pugnetto di struffoli nell’olio bollente e friggili per circa 60 secondi, le palline devono essere dorate ma non scure. Per spostare gli struffoli nell’olio, puoi metterli sul mestolo forato, immergerlo nell’olio e far cadere le palline, in questo modo si evitano schizzi di olio. struffoli olio
  • Raccogli gli struffoli con un mestolo forato e poi falli sgocciolare su un piatto coperto con la carta assorbente. Procedi così e cuoci tutti gli struffoli.struffoli fritti
  • Nel frattempo prepara la bagna, metti in una pentola grande il miele e lo zucchero a velo. bagna 1
  • Fai sciogliere il tutto a fiamma bassa e poi togli dal fuoco.miele fuso con zucchero
  • Versa dentro la pentola anche gli struffoli e mescola in modo da cospargerli con il miele.struffoli nel miele
  • Mescolali molto bene, tutti le palline devono immergersi bene con la bagna di miele. Puoi anche aiutarti con un cucchiaio.bagna miele
  • Trasferisci gli struffoli in un piatto e forma una cupola. Aggiungi poi le ciliegie e le scorze di arancia candite e completa con gli zuccherini colorati.piatto struffoli
  • I tuoi struffoli napoletani sono finalmente pronti! Buon appetito!struffoli napoletani

Note

  • La ricetta più antica prevede l’utilizzo anche della “cucuzzata”, ossia la zucca candita, oltre all’arancia e al limone. Puoi trovare la ricetta per prepararla qui: https://www.struffoli.it/cucuzzata.htm